Liguriana (6)
  • Acciughe, Aglio, Aia, Alzheimer… Bacio, Balaustra, Banca, Bar… Cabala, Caffè, Camminare, Campagna… Dazio, Decima, Diavolo, Dio… Eccessi, Eco, Elettroshock, Epochè… Fagioli, Falce messoria, Falò, Farinata… Gabbiani, Gaggìe, Galera, Gelo… e così via, per altre decine e decine di voci, fino a comporre una fitta mappa del Genovesato e dell’Alto Monferrato, tessuta con fili corali di memoria e di emozioni dolciamare.


    Gioghi di Parole di: Priano, Gianni  12,00 Le parole sono, da sempre, per Gianni Priano un’ossessione. E un vizio. Infatti ne ha scritte e ne ha dette moltissime. E forse sarebbe ora che stesse zitto. Invece eccolo qui, dopo una pigrissima carriera da recensore, critico letterario, scrittore di racconti e versi a presentarci una specie di vocabolario in cui le parole camminano non soltanto tra Genova e Monferrato ma, anche, […]
  • Un sorriso triste e operoso degradante sul mare: così la Liguria si presenta allo sguardo di Pino Petruzzelli, che, ascoltando i suoi vignaioli, la percorre da Ventimiglia a Sarzana, risalendo le sue terrazze, come in pellegrinaggio a un sacro monte. E i vignaioli, sguardo divertito e denti stretti, memoria tesa tra passato prossimo e futuro eventuale (maniman), aprono uno spartito costellato di Bianchetta, Ciliegiolo, Cimixià, Granaccia, Lumassina, Ormeasco, Pigato, Rossese, Sciacchetrà, Timorasso, Vermentino, e raccontano, raccontano.


    Molto è stato detto e scritto sul vino, sui suoi profumi, sui suoi sentori: Io sono il mio lavoro non parla di questo. Non c’è spazio per profumi di mela verde o pesca o ginestra o banana. L’unico profumo presente è quello della dignità e della bellezza.

    Ce l’ho ancora davanti agli occhi quell’immagine: mia moglie con il vestito da sposa bagnato fradicio, in piedi davanti alla vigna, che piange. Ma l’anno dopo fu un’annata straordinaria: raccogliemmo della splendida uva e nacque il nostro primo figlio.


    Io sono il mio lavoro di: Petruzzelli, Pino  12,00 Un sorriso triste e operoso degradante sul mare: così la Liguria si presenta allo sguardo di Pino Petruzzelli, che, ascoltando i suoi vignaioli, la percorre da Ventimiglia a Sarzana, risalendo le sue terrazze, come in pellegrinaggio a un sacro monte. E i vignaioli, sguardo divertito e denti stretti, memoria tesa tra passato prossimo e futuro […]
  • Famiglie e comunanze in un villaggio rurale di antico regime

    Nel segreto di una lapide di epoca “longobarda” affiorano i desideri, le alleanze e le tensioni che animano la vita di una comunità rurale nel corso del XVIII secolo. Il libro racconta un processo di invenzione della tradizione, mostra uno spaccato inedito sulla forma interna delle parentele e la loro ripartizione in segmenti, parla di scritture domestiche, soprannomi collettivi, politiche del prestigio e strategie familiari per l’accesso alle risorse comuni. Nella storia intima di una valle raccontata in un saggio di antropologia storica, un modello innovativo per rileggere la storia locale.


    L’enigma Garibaldo di: Angelini, Massimo  14,00 Famiglie e comunanze in un villaggio rurale di antico regime Che ne è stato del giovane re Garibaldi, fuggito da Pavia nel VII secolo? E cosa c’entra con la val Graveglia (fino a due secoli fa chiamata val Garibaldo) e con la famiglia Garibaldi. Un giallo storico legato a una misteriosa quanto improbabile lapide ancora oggi conservata in una piccola chiesa dell’entroterra […]
  • La cuciniera di Emanuele Rossi nell’edizione del 1865

    Un antico ricettario ligure riemerge dai magazzini di una biblioteca nella sua edizione originale.

    La vera cucina genovese di Emanuele Rossi, 656 ricette racchiuse in ventotto capitoli: un viaggio all’indietro nel tempo, per indagare e comprendere l’autentica cucina ottocentesca, con gli ingredienti, gli strumenti e i procedimenti originali.

    Prima edizione di un importante e tra i più antichi ricettari della cucina ligure.


    La vera cucina genovese di: Rossi, Sergio  14,00 Ristampa della prima edizione (in Liguria, introvabile) della cuciniera genovese di Emanuele Rossi, pubblicata per la prima volta nel 1865, quindici mesi dopo l’analoga cuciniera di G.B. Ratto, fino a oggi nota come la più antica nel suo genere. La Vera cucina genovese, contiene 656 ricette di cucina, dagli antipasti ai liquori, suddivise in 28 […]
  • IN GIRO PER GENOVA
    ATTRAVERSO UNA CITTÀCHE NON TI ASPETTI

     

    Questa − così la raccontano Simona Ugolotti e Gianni Priano: con le immagini lei e lui con le parole − non è una Genova per turisti, per cacciatori di fotogrammi da social o di souvenir o di emozioni predigerite dalle guide patinate. Questa è la città di un’artista e di uno scrittore, dove la bellezza è inscritta nei margini, nei resti, nelle persone storte come la loro vita, nelle vie strette come le porte evangeliche che aprono alla luce.

    Un libro scritto passo dopo passo (con i piedi, come bisognerebbe fossero scritti un po’ tutti i libri che parlano di luoghi e di terra) e da leggere come una via lucis, una stazione dopo l’altra: a ogni stazione una meditazione sulla vita sguardata rasoterra o dietro le lenti di un bicchiere.


    Stradiario genovese di: Priano, Gianni, Ugolotti, Simona,  15,00 IN GIRO PER GENOVA ATTRAVERSO UNA CITTÀ CHE NON TI ASPETTI   Questa − così la raccontano Simona Ugolotti e Gianni Priano: con le immagini lei e lui con le parole − non è una Genova per turisti, per cacciatori di fotogrammi da social o di souvenir o di emozioni predigerite dalle guide patinate. Questa […]
  • il canto di Genova: storie e testi

    Nuova edizione – accresciuta e rivista – del primo canzoniere del trallalero, con oltre ottanta testi provenienti dalla tradizione, e uno sguardo sul mondo polivocale ligure attraverso il racconto appassionato e partecipe di un’attenta ricercatrice e interprete della tradizione musicale popolare.

    Trallalero! di: Parodi, Laura  15,00 il canto di Genova: storie e testi Nuova edizione – accresciuta e rivista – del primo canzoniere del trallalero, con oltre ottanta testi provenienti dalla tradizione, e uno sguardo sul mondo polivocale ligure attraverso il racconto appassionato e partecipe di un’attenta ricercatrice e interprete della tradizione musicale popolare.