• di Giancarlo Pinto con contributi di Ilenio Celoria ,Caterina Ascheri, Claudia Oliva, Francesca Parodi, Matilde Pisani.
    In questo secondo volume si affronta il tema dei “racconti fotografici”. Quando parliamo di “racconto”, viene subito da pensare a un libro scritto, ma un racconto può anche essere per immagini. Se vogliamo davvero coinvolgere “il lettore” e gli vogliamo comunicare un’esperienza che noi abbiamo provato, possiamo farlo con più foto, perché la scelta del numero di foto, il formato e l’ordine di lettura dipendono solo dal fotografo e dalla storia che vuol raccontare. Possiamo rendere più incisiva la nostra narrazione esprimendoci attraverso i formati: rettangolari, orizzontali, verticali, quadrati o rotondi, ma ognuno deve essere attinente a quel particolare racconto. Premesso ciò che è stato illustrato nel volume precedente e sperando che questo nuovo “linguaggio molto visivo e poco scritto” sia stato compreso e interiorizzato dall’attento lettore, in questo secondo libro si vogliono presentare degli esempi di dittico, trittico e portfolio.

    “Abecedario della Fotografia” volume 2 di: Pinto, Giancarlo  10,00 di Giancarlo Pinto con contributi di Ilenio Celoria ,Caterina Ascheri, Claudia Oliva, Francesca Parodi, Matilde Pisani. In questo secondo volume si affronta il tema dei “racconti fotografici”. Quando parliamo di “racconto”, viene subito da pensare a un libro scritto, ma un racconto può anche essere per immagini. Se vogliamo davvero coinvolgere “il lettore” e gli […]
  • Chi raggiunge Savona dal mare di levante si imbatte in un cartello stradale particolare. Sta lì, a pochi metri dalla galleria che apre alla città e che per molti significa ritorno a casa. Al chilometraggio numerico consueto “Savona 2”, una mano ironica e brillante ha aggiunto una nota di colore: Genoa 0.

    A 110 anni dalla nascita del club biancoblù, questo campanilismo da gradinata può forse far sorridere. Tuttavia, c’è chi il Genoa al Bacigalupo se lo ricorda bene, così come la Juventus o il Como, avversario proprio nel match della promozione in serie B.

    Con questo libro, Angelini e Astengo accompagnano i più giovani e gli appassionati in un avventuroso viaggio nella memoria calcistica della città della Torretta.

    Senza rimpianti e con il consueto acume, la ricostruzione sociologica prima che sportiva si arricchisce – rispetto al volume edito nel 2007 in occasione del centenario – di nuove prospettive localistiche.

    Nuove ricostruzioni, biografie, formazioni e tabellini affrontano i retroscena inediti dei campionati giovanili e del calcio dilettante, retroterra fondamentali per comprendere i tempi e i personaggi del nostro passato.

    Di storie del calcio ne sono state scritte molte. Solo alcune, tuttavia, sono anche il racconto di una comunità.

    Francesca Astengo

    110 anni racconti biancoblu di: Angelini, Luciano, Astengo, Franco,  16,00 Chi raggiunge Savona dal mare di levante si imbatte in un cartello stradale particolare. Sta lì, a pochi metri dalla galleria che apre alla città e che per molti significa ritorno a casa. Al chilometraggio numerico consueto “Savona 2”, una mano ironica e brillante ha aggiunto una nota di colore: Genoa 0. A 110 anni […]
  • Lo scopo del libro è di un “eserciziario interattivo” dove il lettore apprende, solo dalle immagini e solo se vuole, dalle parole, le regole di base per scattare una buona fotografia aiutato da schemi ed icone, ma se desidera verificare se è quella giusta, in fondo al libro c’è la spiegazione delle foto mostrate. È un libro diverso da tutti, che vuole essere partecipato, che ambisce a coinvolgere il lettore che deve mettersi in gioco provare ad eseguire lui stesso le foto presenti nel libro ed acquisire una propria valutazione critica delle immagini prodotte. Il formato del libro, tascabile, ha lo scopo di portarlo appresso, consultarlo e sperimentare sul campo le regole, cimentandosi nei vari argomenti proposti.

    Abecedario Fotografico di: Pinto, Giancarlo  10,00 Lo scopo del libro è di un “eserciziario interattivo” dove il lettore apprende, solo dalle immagini e solo se vuole, dalle parole, le regole di base per scattare una buona fotografia aiutato da schemi ed icone, ma se desidera verificare se è quella giusta, in fondo al libro c’è la spiegazione delle foto mostrate. È un libro […]
  • Nuove prospettive per allevare le nostre api

    In questi anni le api stanno subendo perdite devastanti e gli apiari si riducono drasticamente, in alcune località rischiano la scomparsa. Cosa c’è dietro questa distruzione? E quanto pesa per tutta l’agricoltura, per la quale gli insetti impollinatori come le api sono un anello fondamentale, insostituibile? Per le sue implicazioni, infatti, l’apicoltura è vera agricoltura anche se può essere esercitata da chi è senza terra. Intanto, in una battaglia combattuta a colpi di informazione e disinformazione, nell’opinione pubblica – soprattutto tra gli agricoltori – sta crescendo la sensibilità e la consapevolezza verso un problema che rischia di avere ripercussioni epocali. Ma nello stesso tempo si affacciano nuove soluzioni, nuove prospettive che – viaggiando dalle pianure romene al Kosovo del dopoguerra, dai siti remoti in Slovenia e Svezia al cuore urbano di Parigi e Londra – l’autrice esplora per capire meglio cosa si può fare in questo momento cruciale per l’apicoltura e, più in generale, per l’intera comunità dei viventi.

    Agricoltura per senza terra di: Waring, Sarah  12,00 Nuove prospettive per allevare le nostre api In questi anni le api stanno subendo perdite devastanti e gli apiari si riducono drasticamente, in alcune località rischiano la scomparsa. Cosa c’è dietro questa distruzione? E quanto pesa per tutta l’agricoltura, per la quale gli insetti impollinatori come le api sono un anello fondamentale, insostituibile? Per le […]
  • AI CONFINI DELLA CONTRADDIZIONE: TOMMASO D’AQUINO, FLORENSKIJ E SEVERINO di:  16,00 Tommaso d’Aquino, Pavel Florenskij ed Emanuele Severino, pur avendo nella contraddizione un nucleo speculativo comune, non si erano mai incontrati al medesimo crocevia, come invece avviene ora, coerentemente col nome della presente collana. Infatti, per quanto il pensiero tomista e quello severiniano si sono rivolti da subito attenzioni e critiche reciproche, l’interesse di questi due […]
  • Lo stesso giornoforse. I polpastrelli delle dita gelati. Piedi e mani si congiungevano in un unico circolo ghiacciato. Teneva gli occhi chiusi e sentiva odore di cannella. Forse era seduta o forse stava sdraiata. Foglie verdi fuori da lei. Le palpebre erano abbassate e le foglie verdi.

    La fragilità ha una sua bellezza, come la poesia. Non è importante capirla, basta amarla. Il rischio è inevitabile. Ali di pietraracconta una storia al confine tra normalità e follia; sullo sfondo una Milano patinata di inizi millennio, l’altromondo dei clochard e degli psichiatrici nel ‘dopo Basaglia’ e Le città invisibili di Calvino.

    Ali di pietra di: Torretto, Barbara  15,00 LE DERIVE DELLA FOLLIA, DEL BENESSERE E DELLA POESIA INTRECCIATE IN UN ROMANZO A TRE VOCI Visto da vicino nessuno è normale. (Franco Basaglia) Lo stesso giorno…forse. I polpastrelli delle dita gelati. Piedi e mani si congiungevano in un unico circolo ghiacciato. Teneva gli occhi chiusi e sentiva odore di cannella. Forse era seduta o forse […]
  • Un diario di incontri amicizia e amori tra umani e pelosi all’ombra del grande albero, un maestoso acero di 120 anni testimone di tutti gli avvenimenti raccontati in queste pagine.

    Una storia vera per tutte le età.

    All’ombra del Grande Albero di: Musso, Fausto  16,00 Quando si rende conto che vivere in un appartamento di città è la causa principale del leggero ma costante senso di soffocamento e insofferenza che lo accompagnano da anni,Fausto decide di trasferirsi nella casa di campagna, a trenta chilometri da Genova. Lì, poche ore dopo il suo arrivo, fa un incontro inaspettato, quello con Romeo e […]
  • La Grande Carestia in Irlanda (1845-1851)

    An gorta mór (‘La grande carestia’, in irlandese) racconta la tragedia, ancora poco nota in Italia, dei contadini irlandesi – si dice, un milione – morti per fame e malattia tra il 1845 e il 1851, dopo che il raccolto di patate, la loro principale fonte di nutrimento, andò distrutto in tutta l’isola in seguito all’arrivo e alla diffusione della peronospora.

    An gorta mór di: Maestri, Luca  12,00 La Grande Carestia in Irlanda (1845-1851) An gorta mór (‘La grande carestia’, in irlandese) racconta la tragedia, ancora poco nota in Italia, dei contadini irlandesi morti per fame e malattia tra il 1845 e il 1851, dopo che il raccolto di patate, la loro principale fonte di nutrimento, andò distrutto in tutta l’isola in seguito […]
  • UN TESTO CHIARO E PREZIOSO SULLA TEOLOGIA DEGLI ANGELI E SULLA STORIA DELLA LORO RAFFIGURAZIONE NELLE SCRITTURE E NELLE ICONE

    Angeli di luce di: Quenot, Michel  15,00 Dalle sacre Scritture alle sacre immagini Traduzione a cura di Mariangela De Faveri Esistono veramente gli angeli? Chi sono? Da dove si ricavano le informazioni che abbiamo su di loro? Quale relazione hanno con Dio, con gli uomini e con il resto del creato? In che cosa si distinguono gli uni dagli altri? Per quale […]
  • Claudio Tolemeo, o Tolomeo, astronomo di lingua greca del II secolo, illustra in questo trattato le fasi vere e apparenti delle stelle fisse e si serve della levata e del tramonto eliaco di trenta di esse per stilare un calendario astro-meteorologico: consultandolo, è possibile sapere, giorno dopo giorno, come il tempo cambierà a cinque diverse latitudini. Viene qui presentata la prima traduzione completa in italiano del testo, arricchita da un ampio commento filologico, storico, astronomico e astrologico.
    Introduzione, traduzione e commento di Lucia Bellizia.
    Prefazione di Paolo Aldo Rossi.
    Apparizioni delle stelle inerranti di: Tolemeo, Claudio  16,00 Claudio Tolemeo, o Tolomeo, astronomo di lingua greca del II secolo, illustra in questo trattato le fasi vere e apparenti delle stelle fisse e si serve della levata e del tramonto eliaco di trenta di esse per stilare un calendario astro-meteorologico: consultandolo, è possibile sapere, giorno dopo giorno, come il tempo cambierà a cinque diverse […]
  • Qual è il legame che può unire grande storia, capolavori dell’arte, vini millesimati, cinema d’autore, movimenti culturali e artistici del Novecento? In questo libro è certamente la passione di chi rifugge dai recinti delle discipline per muoversi libero da un campo del sapere all’altro, guidato dalla curiosità a tutto campo, dall’istinto verso le cose belle, dal piacere di condividere informazioni, scoperte, associazioni di idee non consuete e a volte persino… temerarie.
    Arte da gustare, vino da contemplare.

    Arte & Vino. Associazioni temerarie di un appassionato di: Reale, Alessandro  14,00 Qual è il legame che può unire grande storia, capolavori dell’arte, vini millesimati, cinema d’autore, movimenti culturali e artistici del Novecento? In questo libro è certamente la passione di chi rifugge dai recinti delle discipline per muoversi libero da un campo del sapere all’altro, guidato dalla curiosità a tutto campo, dall’istinto verso le cose belle, […]
  • Prima vivevo nell’ombra di quello che mi sarebbe piaciuto essere, ora cerco di vivere per quello che sono.

    Avevo la sensazione che la mia vita non fosse mia ma di qualcun altro, mi sentivo impotente succube di un destino segnato. Ora ho deciso di provare a vivere la mia vita, anche se spesso mi sento confuso, insicuro, spaventato, con alti e bassi; ma chi non lo è a vent’anni.

    Sto imparando ad amarmi, ad accettare i miei difetti, ad accettare quello che sono per amare a mia volta.

    Per molto tempo ho costruito la mia persona per andare bene agli altri, ora non voglio più farlo, ora gli altri mi devono voler bene esclusivamente per quello che sono: non deve importare il colore della mia pelle, il mio orientamento sessuale o la mia identità di genere.

    L’uomo non è il colore della sua pelle, l’uomo non è solo la sua sessualità, l’uomo è come ci comportiamo, come ci relazioniamo, come amiamo. Il colore della pelle, la sessualità, il genere sono solo proprietà che spesso, erroneamente, utilizziamo per dare un giudizio. Sono solo proprietà di facciata nient’altro!

    Siamo molto di più.

  • Con 101 ricette vegetariane

    Le spezie colorano la cucina; la fanno più ricca, varia e gustosa; rendono la vita più fragrante.
    32 spezie (le più importanti e quelle meno conosciute), 11 miscele, 101 ricette: questi i numeri dell’atlante, nel quale di ciascuna spezia è dichiarata la provenienza, tracciata la storia, segnalate le modalità di uso in cucina e, talvolta, anche nella farmacopea popolare.
    Nel corso di un’esperienza pluridecennale con le spezie, l’Autrice ha selezionato 101 ricette, tutte personalmente cucinate e degustate.

    Atlante delle spezie di: Annetta, Daniela  12,00 Con 101 ricette vegetariane Le spezie colorano la cucina; la fanno più ricca, varia e gustosa; rendono la vita più fragrante. 32 spezie (le principali e quelle meno conosciute), 11 miscele, 101 ricette: questi i numeri dell’atlante, nel quale di ciascuna spezia è dichiarata la provenienza, tracciata la storia, segnalate le modalità  i uso in cucina e, talvolta, anche nella farmacopea popolare. Tutte […]
  • BAMBOLA SOGNAVO di:  10,00 Il libro coglie ‘occasione di ricordi famigliari per percorrere un tratto della storia più o meno recente e per esprimere sentimenti rimasti a lungo nel cuore dell’autrice.  
  • 54 tavole di arte devozionale, dedicate a motivi evangelici ben noti a tutti, rilette con ironia bonaria, popolare, profondamente ligure, mai volgare, forse un po’ disincantata, ma irresistibile.

    Bèllo Segnù – Il breviario di:  8,00 Intuizioni geniali, freddure fulminanti e un pizzico di iconoclastia: ecco gli ingredienti di un modo ironico di rileggere l’arte devozionale, mostrando – quasi come fosse la prima volta – un patrimonio d’arte ben noto nei contenuti narrativi, attraverso la sorprendente traduzione di sguardi e gesti pittorici in espressioni colloquiali comuni e proprie del frasario ligure. Qui l’ironia non è rivolta alle cose […]
  • Il manuale di arte sacra dei monaci del Monte Athos

    La guida del monaco athonita Dionisio da Furnà è uno dei più antichi testi rimasti dedicati alle tecniche dell’iconografia bizantina e postbizantina. Compilata nel primo trentennio del XVIII secolo, ebbe una elevata diffusione in forma manoscritta tra gli iconografi del Monte Athos, e solo nel 1845 fu per la prima volta pubblicata (in Francese), benché in un’edizione influenzata dalle aggiunte di un noto falsario, Costantino Simonidis, qui emendata e restituita nella traduzione di Giovanna Donato Grasso.

    Canone dell’icona di: Da Furnà, Dionisio  14,00 Il manuale di arte sacra dei monaci del Monte Athos La tecnica dell’icona, la rappresentazione iconica dei miracoli dell’Antico e del Nuovo Testamento, delle feste e della passione di Cristo, dei fatti avvenuti dopo la risurrezione, delle parabole, dell’Apocalisse di Giovanni il Teologo, delle feste della Madre di Dio, dei martiri del calendario e molto […]
  • La differenza fra vivere e abitare, fra sentire la forza di un luogo e limitarsi a soggiornarvi: una scoperta che accompagna un mutamento interiore, delicatamente narrato attraverso i passi della protagonista verso la consapevolezza di una scelta.

    È la storia di Chiara, che, in pieno lockdown, sa sciogliersi dai ruoli cui si è affidata per tutta la vita, trovando  le motivazioni per voltare pagina, costruire il nuovo senza rinunciare al calore dei ricordi e degli affetti.

    Zena Roncada

    CASE di: Molinari, Helena  12,00 La differenza fra vivere e abitare, fra sentire la forza di un luogo e limitarsi a soggiornarvi: una scoperta che accompagna un mutamento interiore, delicatamente narrato attraverso i passi della protagonista verso la consapevolezza di una scelta. È la storia di Chiara, che, in pieno lockdown, sa sciogliersi dai ruoli cui si è affidata per […]
  • Opera vincitrice del premio Internazionale Letterario ‘Salviamo la Montagna’ – IV ed., 2015 – con l’estratto inedito Passa la mano.

    Saga di donne e povera gente tra le Alpi e il Cielo

    Saga di donne, di povera gente, ambientata in un valle alpina, nella quale chi abbia vissuto sui monti facilmente potrà riconoscere un po’ della propria terra e il suo volto duro, scolpito sulla macina della vita con ostinazione e fatica.

    Alcune storie narrate in questo libro sono germogliate dalle testimonianze raccolte, alcune dalla fantasia; ma tutti gli episodi e i dialoghi nascono da una commossa simpatia per le donne, in particolare le capraie, che ho conosciuto e hanno voluto condividere pensieri e ricordi della loro vita tra le montagne.

    Chiara cantante e altre capraie di: Femminis, Doris  12,00 Opera vincitrice del premio Internazionale Letterario ‘Salviamo la Montagna’ – IV ed., 2015 – con l’estratto inedito Passa la mano. Saga di donne e povera gente tra le Alpi e il Cielo Saga di donne, di gente semplice, ambientata in un valle alpina, nella quale chi abbia vissuto sui monti facilmente potrà riconoscere un po’ della propria terra e […]
  • Contro la Rivoluzione Verde, tra i contadini:
    due vite, una sola scelta di campo (in tutti i sensi)

    Quarant’anni di ricerca dedicati alla genetica delle popolazioni di cereali, orientata da una scelta di campo precisa: la ricerca in agricoltura deve servire innanzitutto ai contadini, a fare crescere i loro raccolti e nello stesso tempo, e inscindibilmente, a dare valore alle conoscenze e ad aumentare la loro autonomia. Quarant’anni di opposizione dura e argomentata, sul piano scientifico prima che politico, alla Rivoluzione Verde, al neocolonialismo delle multinazionali del seme (qualche volta anche con la connivenza dei centri internazionali di ricerca) e al loro tentativo – fin troppo ben riuscito – di erodere e ridurre la biodiversità al proprio servizio, cancellando secoli di selezione locale e patrimoni di varietà selezionate e tramandate nel tempo delle generazioni.

    Ci vediamo stasera a Damasco di: Ceccarelli, Salvatore  12,00 Contro la Rivoluzione Verde, tra i contadini: due vite, una sola scelta di campo (in tutti i sensi) Quarant’anni di ricerca dedicati alla genetica delle popolazioni di cereali, orientata da una scelta di campo precisa: la ricerca in agricoltura deve servire innanzitutto ai contadini, a fare crescere i loro raccolti e nello stesso tempo, e […]
  • Teresa vive nei boschi, del suo lavoro e della sua terra. Sua figlia Anna è attratta dalla fabbrica, dove cercherà una nuova vita, sola con il suo bambino. Il fascismo sale al potere, la guerra incombe. Il destino che è stato loro attribuito non dà scelta e la virtù è tutta nella resistenza alle avversità.

    Come foglie di: Marenco, Alessandro  12,00 Romanzo dedicato a due donne, una madre, Teresa, e sua figlia, Anna. Entrambe nate e vissute sull’appennino ligure, nella zona di Cairo Montenotte. La madre, contadina, legata a un mondo patriarcale, alla cultura rurale della sua terra; la figlia, operaia, scesa in fondo valle dopo la seconda guerra mondiale per lavorare in fabbrica. Conflitto di […]
  • Il libro raccoglie le testimonianza e le riflessioni sulle condizioni di vita dei contadini a fine Ottocento in Liguria, stese dal medico Agostino Bertani e tratte dall’Inchiesta Agraria (Inchiesta Jacini) pubblicata tra il 1880 e il 1891. Le descrizioni delle abitazioni, dell’alimentazione quotidiana, degli indumenti, dell’igiene e delle condizioni di salute sono espresse senza giri di parole e restituiscono un quadro della vita contadina ben lontano dalle immagini rassicuranti, talvolta idilliache, di chi vorrebbe vedere nel mondo rurale ‘di una volta’ un modello da riproporre o per il quale si può provare nostalgia. L’Inchiesta Jacini ci racconta un’altra realtà, da guardare con attenzione, con rispetto, ma senza rimpianti.

    Come Vivevamo di:  12,00 “Le case tutte sono costrutte con sassi, sovrapposti gli uni agli altri, ma senza calce, senza intonaco. I buchi, i vani più appariscenti sono turati da manate di terra bagnata o di paglia. Il tetto è coperto da pezzi di pietra, da sassi mal connessi. Le serrature, le imposte sono una derisione. Due tavole appoggiate […]
  • La pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare.

    Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di: Bonora, Elisabetta  16,00 La pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese […]
  • Dal buio della violenza domestica nel racconto di una donna

    La brutalità senza tempo della violenza domestica, in un romanzo crudo e tagliente come la lingua della sua protagonista: una donna sarda, giunta nel Continente e segregata in un girone coniugale dal quale potrà sperare di affrancarsi solo attraverso l’accesso al lavoro in fabbrica.

    La protagonista oscilla tra mondi antitetici, come il paese dove è nata e quello dove ora vive, la casa claustrofobica e la fabbrica densa di relazioni sociali, la brutalità di un matrimonio riparatore, forzato e la leggerezza dell’amicizia.

    Con le mani nel cotone di: Campus, Giada  12,00 Franzisca ha trentacinque anni, è sposata con Gavino, un marito violento e crudele con il quale vive una vita disperata fatta di privazioni e solitudine. Siamo nel 1970. Da un anno, la coppia, giunta dalla Sardegna, abita a Isorelle, paese dell’entroterra genovese costruito intorno al cotonificio Deferrari – per tutti la filanda – a contatto […]
  • Conoscere le api di: Iori, Maurizio  10,00 Conoscere le api Per una gestione naturale La mancanza di centralità in un superorganismo, come viene definita una famiglia di api, la presenza dell’equilibrio precario in natura causato da azioni devastanti sull’ambiente, richiedono l’impegno dell’uomo per recuperare e gestire questa situazione. Conoscendo come vivono le api, quali sono le loro limitazioni, con pochi e mirati […]
Carrello
0